La SuperLega delle sorprese: un campionato incerto con risultati imprevisi

La SuperLega delle sorprese: un campionato incerto con risultati imprevisi

La seconda giornata del massimo campionato italiano di pallavolo conferma quanto visto nella prima: non ci sono favorite, e ogni risultato è possibile

Modena vince la sua prima gara della stagione e lo fa contro ogni pronostico, con la corazzata Piacenza, imprecisa in ricezione e con poca continuità. Grande prestazione della squadra di Andrea Giani, bene i giovani come Tommaso Rinaldi ma soprattutto il neo opposto Adis Lagumdzija, ex di turno e migliore in campo. Per il team di Bernardi ancora un tonfo, un punto in classifica: è tempo già di riflessioni.

La seconda giornata di SuperLega regala conferme, come quella della Padova ammazza grandi che vince ancora al tie-break e lo fa a casa dei campioni d’Italia di Civitanova.

Il giapponese Ran Takahashi il migliore in campo con 22 punti Festeggia anche Cisterna, altra bella novità, in trasferta rifila un 3-0 a Taranto e rimane in testa alla Superlega senza aver perso un set assieme alla Perugia dei fuoriclasse guidata da Simone Giannelli che va a vincere a casa della matricola Siena.

Le sorprese erano iniziate sabato nell’anticipo con la 2 vittoria, sempre al tie-break, di Verona trascinata dai 39 punti del russo Sapozhkov sul campo di una delle favorite, Trento, e nel derby lombardo di Milano (Mergarejo Mvp) a casa di Monza.

Emerge da questo avvio il grande equilibrio a conferma che quello italiano è il campionato più interessante e combattuto al mondo: è cresciuto il livello della Superlega, sempre più spettacolare, dove finalmente i giovani, come è stato nel Mondiale vinto dall’Italia, sembrano sempre più i protagonisti.

Share